Ricette cocktail: come prepararli facilmente in casa

{CAPTION}

 

Ami andare in discoteca e scatenarti con la musica dei migliori dj roma, sorseggiando un ottimo e rinfrescante drink, ma questa volta vorresti festeggiare il tuo compleanno a casa in compagnia dei tuoi amici e stupirli preparandogli dei gustosi cocktails? Non ti preoccupare, non è una missione impossibile, anzi è molto più facile di quanto sembri. L’importante è avere fantasia, dei bicchieri adatti, un bastoncino, un mixing glass, zucchero di canna, fettine e scorze di limone, cannucce, foglie di menta e olive verdi.

I migliori drink

Trasformarsi in un bartender non è poi molto difficile, ovviamente si realizzeranno dei cocktail abbastanza semplici ma nello stesso tempo gustosi e frizzanti, ideali da offrire ai propri ospiti per festeggiare un evento speciale o una riunione tra amici. Di seguito sono illustrate alcune ricette, facili e veloci per preparare delle bevande ottime.

  • Spritz: l’origine di questo drink è veneta, basta mettere all’interno di un bicchiere, preferibilmente un tumbler, un bitter, del vino bianco, un pò di acqua minerale e una fettina di limone.

  • Aperol Spritz: mettere dei cubetti di ghiaccio in un bicchiere rock di dimensioni medie, aggiungere del prosecco, un aperol e della soda. Mescolare gli ingredienti con una cannuccia e decorare il bicchiere con una fetta di arancia.

  • Cuba Libre: un drink classico e molto amato, per prepararlo basta mettere dei cubetti di ghiaccio in un bicchiere tumbler, il succo di mezzo limone, tre dita di rum bianco e riempire la parte restante con la cola. Infine decorare il bicchiere con una fettina di lime.

  • Sex on the beach: mettere all’interno di uno shaker 3 cubetti di ghiaccio, mezza parte di vodka alla pesca, una parte di succo di mirtillo, una di succo di arancia e una di succo di ananas e mezza parte di vodka classica. Agitare per bene lo shaker e versare in un tumbler con una ciliegina.

  • Cosmopolitan: versare all’interno delle shaker Vodka, succo di limone, Cointreau e succo di ribes o mirtillo. Agitare e versare in una coppetta decorata con una fettina di limone.

  • Negroni: è un cocktail che contiene un elevato tasso alcolico, per prepararlo è necessario mettere in un tumbler 4 cubetti di ghiaccio, una parte di Gin, una di Bitter Campari e una di Martini Rosso. Decorare il bicchiere con una fettina di arancia.

  • Americano: riempire un bicchiere fino alla metà con del Campari e l’altra parte con il Vermut Rosso. Spruzzare della soda e mescolare.

 

L’aperitivo nascita e diffusione della bevanda

{CAPTION}

 

 La parola aperitivo serve per indicare un tipo particolare di bevanda che nel nostro paese viene fatta solitamente nelle ore che anticipano il pranzo e la cena e alcuni tra i locali più importanti ne hanno fatto un vero e proprio business come ad esempio all’Os Club Roma.

Oggi l’aperitivo non è considerata una bevanda vera,  ma un metodo di preparazione e consumo delle bevande alcoliche o analcoliche, infatti l’aperitivo può essere indicato anche come soft drink.

Ci sono alcuni drink come il Campari Soda e il Negroni, che sono compresi nella lista dell’International Bartenders Association.

Storia e diffusione dell’aperitivo

L’aperitivo nasce a Torino nella bottega di liquori del di Antonio Benedetto Carpano conosciuto per aver inventato nel 1786 il vermut, un vino bianco a cui venivano aggiunto uno speciale infuso fatto con più di trenta erbe e spezie che veniva servita all’interno del suo locale e in poco tempo si espanse in tutta la città e grazie a due delle maggiori ditte produttrici di alcolici in Italia, la Cinzano e la Martini anche in tutta Europa, dove l’aperitivo era conosciuto da tutti come  Martini, visto che il liquore era alla base della maggior parte dei cocktail che venivano fatti .

Nel corso del  tempo la pratica dell’aperitivo ha subito diverse modifiche non perdendo mai il suo fascino ed è passato alla storia per essere un momento di grande aggregazione sociale  e di grande importanza, tanto che nel 800 anche la Casa Reale si dilettava spesso in lunghi aperitivi sorseggiando quella che era la bevanda ufficiale di corte il vermut Gancia,  una variabile di quello originale.

Oggi ogni bar e locale del nostro paese offre la propria variabile di aperitivo,  che viene sempre accompagnato da diversi stuzzichini  come: olive patatine salatini mentre in alcuni casi come quelli dell’apericena è possibile mangiare anche primi e secondi pagando l’ aperitivo, il cui costo solitamente varia dai  2 ai 3 euro, qualcosa in più ma gustando una cena veloce.

In Italia l’aperitivo  può variare anche in base alla zona dove viene fatta, infatti ogni luogo ha i propri riti per l’aperitivo che vengono rispettati gelosamente.

Nel nord, soprattutto in Lombardia l’aperitivo è un evento importante e viene offerto in grande stile, soprattutto nei week  end, mentre in altre parti del nord come il Veneto e il Friuli Venezia Giulia è molto legato alla tradizione, qui infatti si mangia di meno e si bevono soprattutto vini bianchi e prosecco di tradizione locale, anche se sta prendendo sempre più piede lo Spritz, una bevanda con vino bianco e aperol.

Al sud solitamente l’aperitivo è accompagnato da pietanze di pesce e durante l’estate gli eventi legati all’ aperitivo si protraggono fino a notte fonda.

 

 

I migliori cocktail bar di Roma

È sempre più frequente l’abitudine di prendere un aperitivo prima di cena, dopo il lavoro o anche come luogo informale per una colazione di lavoro e agevolare gli affari. Questa tendenza prende piede proprio in quei centri urbani in cui arrivano per prime le mode dall’estero e dove il business si intreccia con la mondanità; è così che a Milano, Venezia, Torino, Roma le città si popolano di locali sempre nuovi e innovativi sia per design che per proposte di prodotti. Roma che è da sempre nota per i “vini dei castelli”, il buon cibo e il buon bere non poteva non raccogliere la moda dei cocktail bar. Sono numerosi i locali Roma che offrono un’ampia offerta di drink abbinati spesso anche a qualcosa da mettere sotto i denti. Alcuni di questi sono degni di nota per la preparazione di cocktail a regola d’arte per la loro creatività, la qualità degli ingredienti, la bellezza e i colori dei cocktail nonché la comodità e l’accoglienza dell’ambiente che ospita i clienti.

Quali sono i migliori cocktail bar di Roma?

Si riporta una selezione tra i migliori cocktail bar di Roma in ordine alfabetico:

  • Banana Republic: chi non ha visto il film “cocktail” con Tom Cruise? Il Banana Republic è un american bar proprio ispirato al film, con abili barman che oltre alle acrobazie producono dei cocktail di qualità in un locale storico che si sviluppa su due piani. Prezzo medio: 12 €. Indirizzo: Via Giovanni Bettolo, 3.
  • Barnum Café: i migliori cocktail di Roma si servono qui, nel cuore della movida romana a Campo de’ Fiori. Il bar tender Patrick Pistolesi ha vinto nel 2013 il Nikka perfect Serve, una competizione riservata al settore. Il locale è piccolo, ma l’atmosfera è calda e amichevole. Prezzo medio: 15 €. Indirizzo: Via del Pellegrino, 87.
  • Bar del Fico: alle spalle di Piazza Navona, sorge lo storico Bar del Fico che in una location all’apparenza trasandata e vintage nasconde un’attenzione al dettaglio ed è l’unico a proporre cocktail sperimentali dal gusto eccellente. Prezzo medio: 10 €. Indirizzo: Piazza del Fico, 26/28.
  • Caffè Propaganda: si trova nei pressi del Colosseo e ha l’aria di un bistrot francese, ma offre cocktail originali, con ricette originali e rivisitate, ingredienti a Km 0 perché “fatti a mano”. Il prezzo medio per un cocktail è di 9 €. Indirizzo: Via Claudia, 15.
  • Club Derriere: dietro un finto armadio del ristorante Osteria le Coppelle si accede a questo club davvero intimo e accogliente, una sorta di speakeasy gestito da Patrick Pistolesi, proprietario del Barnum, in un ambiente con luci soffuse e musiche jazz e swing in sottofondo. Arredato in stile “proibizionismo” con poltrone e bauli, si possono sorseggiare cocktail dai nomi altrettanto esotici come le ricette: L’Autumn Soue, l’Incidente Diplomatico, il Floral&Vanity. Prezzo medio: 10-12 €. Indirizzo: Vicolo delle Coppelle, 59.
  • Colors Club: ex- Stairs è un locale nel cuore di Trastevere, l’anima di Roma e come suggerisce l’insegna è un cocktail bar molto colorato dove si respira un’aria amichevole in un ambente informale e divertente. I barman e le bar lady sono “diplomati” alla Mixology Academy, dei veri maestri nella creazione di una quantità infinita di cocktail. Prezzo medio a cocktail: 8 €. Indirizzo: Via della Scala, 43.
  • Co.So: il padrone di casa è Massimo D’Addezio, un’autorità nel campo dei cocktail che ha allestito questo locale nel cuore del Pigneto, uno dei quartieri più vivaci e popolari di Roma, in un ambiente familiare e cordiale. Il cocktail di punta è il Carbonara Sour (una rivisitazione del vodka sour aromatizzato al pepe nero, con guanciale e uova montate), ma anche il Fantasma del conte Camillo Negroni è una chicca da provare. Prezzo medio: 10 €. Indirizzo: Via Braccio da Montone, 80.
  • Duke’s: nel quartiere raffinato e altolocato di Parioli, si trova questo cocktail bar dal design ricercato in cui si offrono drink a base di frutta fresca di stagione e proposte “light” con la metà dell’alcol previsto e l’aggiunta di aloe vera da agricoltura biologica come dolcificante. Prezzo medio: 10 €. Indirizzo: Viale Parioli, 200 .
  • Fluid: da dieci anni, questo locale che si trova nel cosiddetto “Triangolo delle bevute” della movida romana tra Campo de’ Fiori, Piazza Navona e Piazza Pace propone i migliori cocktail di Roma in un ambiente stile american bar con drink preparati secondo la tradizione. Prezzi medi: 8-9 €. Indirizzo: Via del Governo Vecchio, 46.
  • Freni e Frizioni: locale storico degli amanti dei cocktail a Roma a pochi passi da Piazza Trilussa, da provare almeno una volta per la selezione di cocktail e la ricercatezza di sapori. Prezzo medio: 15 €. Indirizzo: Via del Politeama, 4/6.
  • Il sorpasso: tra i più economici dei cocktail bar di qualità, c’è il Sorpasso in zona Prati che offre cocktail rigorosamente classici serviti in bicchieri vintage. Prezzo medio: 6-8 €. Indirizzo: Via Properzio, 31/33 .